• Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Storia

alt

Sulle alture situate a nord della valle del Vomano a quota 463 è posto Canzano, il cui territorio apparteneva anticamente ai Pretutii ed al successivo municipio romano di Interamnia Pretuttiorum.
In età preistorica le sue alture furono probabilmente abitate come testimoniato dal ritrovamento di alcune punte di frecce in selce nell'area compresa tra Canzano e Castellalto. Successivamente, nel IX e fino al VI secolo a.C., sul versante meridionale della collina su cui sorge il paese è documentata (in località Gerenzano) una grande necropoli che, nel 1929/30, ha restituito circa cento tombe con sepolture contenenti armi in ferro (spade e pugnali), scudi (probabilmente dischi corazza), materiali ceramici, oggi tutti dispersi. Data la presenza della necropoli arcaica è possibile che il sito dell'attuale paese sia stato sede di un centro fortificato dei Pretutii.

Le prime notizie su Canzano nel medioevo le abbiamo in età normanna, nel 1150-1167, in cui è nominato il castellum di Cansanum posto nella Contea Aprutina e feudo di tre militi (circa 375 abitanti) di Mactaleone; altro castello del territorio di Canzano era quello di Montem Sancti Petri (ora Montepietro), feudo di due militi circa di Todemario Gualtieri. Successivamente Cansanum compare nel Diploma di Carlo I d'Angiò del 1273 insieme a Mons. Petri castrucij veterium de Acquaviva. Nel 1276 passa sotto il dominio degli Acquaviva con il matrimonio di Gualtieri Acquaviva con Isabella figlia di Bartolomeo di Bellante, feudatario di Canzano. Successivamente viene inserito nello stato di Atri degli Acquaviva fino al tardo cinquecento.

alt
alt

Dai documenti presenti nell’archivio comunale, nell'archivio parrocchiale e dai racconti della popolazione, risulta evidente la grande importanza della famiglia "De Berardinis" nella vita della popolazione canzanese, per le conoscenze nelle culture agricole e per la correttezza dimostrata nella gestione della Pubblica Amministrazione. Ai giorni nostri possiamo ancora ammirare il palazzo ("De Beraardinis" sito in Via Roma nel Capoluogo) dove questa famiglia ha dimorato negli anni passati.

Dell'incastellamento medievale sono ancora visibili resti della fortificazione muraria in pietrame d'arenaria non squadrato dovuta agli Acquaviva nel corso del XIV secolo; collegato alla recinzione muraria è il Torrione a pianta circolare, con superiore apparato a sporgere dotato di beccatelli ed archetti a tutto sesto, databile al XV secolo.

alt
 
alt

Nell'interno del paese è la chiesa rinascimentale della Madonna dell'Alno, parrocchiale di Canzano fondata, come Oratorio, nel 1526 data l'apparizione miracolosa della Madonna nei pressi di un ontano (alnus in latino). Dell'edificio originario rimane soltanto il portale, mentre la facciata e l'interno sono settecenteschi e il campanile del 1810. Nell'interno sono conservate: una pregevole acquasantiera seicentesca, un reliquiario ligneo settecentesco e tele del XVII e XVIII secolo, fra cui spicca la Madonna del Rosario con Santi, attribuibile alla bottega del Solimena.

 
 
 

Fuori dell'abitato è la chiesa benedettina farfense di San Salvatore: S. Salvatoris de Cansanum , fu cella di S. Salvatore a Bozzino (Roseto) e quindi dipendenza di S. Salvatore in Concerviano (RI) nel secolo XI. Attualmente rimane la struttura basilicare romanica duecentesca con tre navate interne senza transetto e con grande abside sul fondo della navata centrale. La facciata presenta un semplice portale romanico con raffigurazioni dei simboli degli Evangelisti. Nell'interno sono visibili affreschi duecenteschi, una Madonna con Bambino in trono della prima metà del XVI secolo, una raffigurazione dei Santi Rocco e Salvatore della fine del cinquecento e, molto rovinati, tre figure di santi non pienamente identificabili.

alt

Comune di Canzano - Tel. 0861 555128 - info@comune.canzano.te.it - P. IVA 00253770671

TU SEI QUI: Storia
  W3CCSS W3CCSS    Privacy     Note Legali    Copyright    Documenti Pubblici   Calendari